MARIA MONTESSORI, CHI ERA LA DONNA STAMPATA SULLE 1000 LIRE?

MARIA MONTESSORI, CHI ERA LA DONNA STAMPATA SULLE 1000 LIRE?

MARIA MONTESSORI BIOGRAFIA

Maria Tecla Artemisia Montessori( Chiaravalle, 31 Agosto 1870) è stata un’ educatrice. Tutt’ora il suo metodo è molto attuale nell’ educazione scolastica.

Una delle prime donne in italia a laurearsi in medicina e chirurgia nel 1896. Inoltre si è specializzata in pedagogia, neuropsichiatria infantile, filosofa e scienziata italiana.

All’epoca del fascismo, risulta una delle donne più importanti per l’educazione scolastica italiana applicata negli asili, scuole medie e superiori. Voluta fortemente da Mussolini che la supporto all’insegnamento della lingua italiana per riuscire così a  risolvere l’analfabetismo con le “Case dei Bambini”. Grazie ai suoi insegnamenti, il suo metodo educativo  si basa sulla libertà del bambino nei movimenti, dando sfogo alla creatività e al pensiero stesso del bambino.

maria montessori, chi era la donna stampata sulle 1000 lire

 Maria Montesori frasi«Il bambino è insieme una speranza e una promessa per l’umanità». «Più dell’elettricità, che fa luce nelle tenebre, più delle onde eteree, che permettono alla nostra voce di attraversare lo spazio, più di qualunque energia che l’uomo abbia scoperto e sfruttato, conta l’amore: di tutte le cose esso è la più importante».  (Le frasi più celebri le trovi qui )

MARIA MONTESSORI UNA VITA PER I BAMBINI

Maria Montessori è stata senza ombra di dubbio una grande donna. Una DONNA rivoluzionaria  che ha scoperto un mondo che era sconosciuto agli occhi degli adulti.

Il mondo dei bambini è un mondo grande. I loro occhi rispecchiano la curiosità, l’intelliggenza, la fama del sapere. Sono occhi vispi, che non mentono.

I bambini hanno una coscenza, un pensiero. Questo lei lo aveva capito,lo aveva analizzato e studiato. Ha dedicato l’intera vita per i bambini, partendo dai più problematici affetti da ritardo mentale.

Maria Montessori, aveva capito che il bambino non era una “marionetta” o un “soldatino”, come si credeva a quei tempi. Il bambino aveva bisogno di muoversi e di GIOCARE, stimolando così il suo intelletto.

Nel mondo ci sono 22.000 scuole Montessori di ogni grado, nidi, materne, elementari, medie e superiori.

Maria Montessori morì nel 1952  e il suo metodo è diventato patrimonio del mondo.

Lascia un commento